La nostra storia

L’ Associazione San Benedetto Padre di molti popoli, nasce nel 2007 a Cetraro per iniziativa di Don Ennio Stamile, allora Parroco della Chiesa Madre di San Benedetto in Cetraro, nonché Delegato regionale della Caritas Calabria, e del giornalista pubblicista Pasquale Guaglianone. Essa ha come precipue finalità il raggiungimento di alcuni obiettivi di carattere culturale, sociale, ricreativo, di educazione alla legalità ed alla cittadinanza attiva, di formazione all’uso dei beni confiscati e di supporto formativo per il personale alle cooperative che gestiscono beni confiscati.

Iniziative culturali

Presentazione dei volumi della trilogia medievale di ANDREA PAMPARANA, Vice-Direttore del TG5, che diventa Presidente onorario della Associazione. Nel 2009 nel corso della presentazione del Volume Una Suora per amico, al Dr. Pamparana, su proposta del Presidente della Associazione, viene conferita, allo stesso dal Consiglio Comunale di Cetraro, la Cittadinanza Onoraria. Nel periodo estivo, ha organizzato Raccontare Cetraro, condotta dal Giornalista Pasquale Guaglianone, serata dove si raccontano personaggi e storie della Città di Cetraro; la giornata dei migranti che si svolge ogni anno al Santuario della Madonna della Neve in Monte Serra. Ha organizzato con la collaborazione del Comune di Cetraro e all’Universitas Vivariensis la “Settimana della Cultura Benedettina”, giunta alla VIII edizione. Ha organizzato la presentazione di diverse decine di volumi, tra i quali, segnaliamo quello dedicato alla figura di Albenzio Rossi nella sala della Protomoteca in Campidoglio, con il patrocinio del Comune di Roma.

Formazione beni confiscati 

Le attività svolte sui beni confiscati hanno avuto inizio a partire dal 2013, in Collaborazione con Libera, Associazioni nomi e numeri contro le mafie, con una serie di incontri di formazione e di aggiornamento sulla legislazione vigente in materia che ha coinvolto Scuole di II grado, Associazioni di categoria, sindacati ed impiegati delle Pubbliche Amministrazioni. In particolare, con la Cooperativa Terre Ioniche, che gestisce da oltre dal 2014 alcuni beni confiscati nei Comuni di Isola Capo Rizzuto e di Cirò, sono state poste in essere una serie di iniziative volte alla formazione del personale, con particolare riferimento alla legislazione vigente, nonché ad una serie di laboratori predisposti per giovani provenienti da diverse parti d’Italia soprattutto nei mesi estivi durante i campi di EstateLiberi, organizzati da Libera-Crotone. I partecipanti hanno così avuto modo di conoscere l’opera di valorizzazione dei beni confiscati gestiti dalla Cooperativa sul territorio e inoltre hanno avuto modo di venire in contatto con la realtà produttiva delle stessa. Sono state organizzate una serie di visite didattiche che hanno avuto lo scopo di far conoscere i processi di lavorazione dei prodotti. Altri laboratori sono stati organizzati sempre in collaborazione con Libera, per affiancare i giovani campisti ai soci della cooperativa durante piccoli interventi di manutenzione della struttura al di fuori degli orari di produzione e durante le operazioni agronomiche da svolgersi sui terreni gestiti dalla stessa. o altri organizzati in diverse sedi di beni confiscati riutilizzati del territorio. Due incontri mensili, sono stati dedicati alla educazione delle Legalità. In collaborazione con l’Università di Milano-Dipartimento di Sociologia, con il Prof. Nando Dalla Chiesa, presidente Onorario di Libera, sono stati organizzati due campi estivi per studenti del biennio di specializzazione universitaria dal titolo “Università itinerante” promossa dal Prof. Dalla Chiesa Gli studenti partecipanti, circa quaranta per ogni anno, sono stati chiamati ad approfondire il tema della mafia ed in particolare il tema della presenza della ‘ndrangheta al Nord ed in Europa. In detti corsi universitari sono stati chiamati a rendere le loro testimonianze, oltre che diversi testimoni di Giustizia, anche personalità istituzionali, quali Prefetti, Questori, Pubblici Ministeri.

Iniziative di solidarietà

Tra le iniziative di solidarietà è stato realizzato il progetto Koinonia per gli anziani di Cetraro poi esteso a tutta la Diocesi di San Marco Argentano-Scalea e la la costruzione di un’Altare dedicato a San Benedetto Abate in Buenos Aires, per gli emigrati cetraresi in Argentina. In corso la costruzione di una scuola in Benin – Africa – nella Diocesi di Porto-Novo per la quale si sono organizzate alcune iniziative di solidarietà per la raccolta dei fondi. Due nella Basilica di Santa Prassede in Roma, con il Patrocinio di Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Paul Poupard. Una terza sempre in Roma, un pranzo di beneficenza in ricordo della Pittrice Daniela Romano. Due serate di beneficenza in Lago di Amantea, in Provincia di Cosenza. Diverse serate a Cetraro. I volontari dell’Associazione svolgono servizio di volontariato presso l’Orfanotrofio di Sakété in Benin. Ogni anno viene fatta una raccolta fondi per sostenere le attività in detto orfanotrofio. Quest’anno, in collaborazione con la Diocesi di San Marco Argentano-Scalea, si è deciso di realizzare sempre in Benin, anche un Centro dialisi.

Pin It